starswebtv.com

WEB TV
STARS
STARS
WEB TV
Vai ai contenuti

Giornata mondiale contro la violenza di genere

starswebtv.com
Pubblicato da in cultura · 25 Novembre 2020
Tags: violenzasulladonnaviolenzadigeneredonna
Giornata mondiale contro la violenza di genere
Il 25 novembre ricorre la giornata mondiale contro la violenza di genere. In questa occasione, si devono ricordare le tante, troppe vittime di femminicidio. Donne che  diventano schiave, psicologicamente e fisicamente, del loro "amore malato". Il 2020 sarà ricordato come l'anno della Pandemia mondiale. Il covid, però, non ha mietuto vite soltanto tra chi ha avuto la sfortuna di infettarsi, ma anche tra chi, costretto all'isolamento, è diventato ancor piu vittima del proprio carnefice. Nei primi 10 mesi  del 2020,  91 donne sono state uccise e i casi di femminicidio sono triplicati. Ciò significa che una donna su tre ha perso la propria vita. Ma cosa spinge un essere umano a tollerare  vessazioni  di ogni genere da parte di chi, invece, dovrebbe semplicemente amarlo. Sicuramente, la dipendenza economica dal "maschio" rappresnta una delle motivazioni più evidenti. Ciò, ci riporta ad un altro tema fondamentale, l'uguaglianza dei diritti e delle opportunità tra uomini e donne. IL capo dello stato, ha evidenziato la necessità di rafforzare nella società" la cultura della parità".'
E' di qualche giorno fa, la notizia di una giovane maestra d'asilo che, intessuta una relazione passionale con un uomo un po' piu grande di lei decide di inviargli alcune immagimi hard ed un video erotico. La relazione finisce e l'uomo si sente libero di condividere il tutto sulla chat di alcuni amici. La faccenda si complica, però, quando la moglie di uno di quei "compagni di spogliatoio", riconosce in quelle immagini, la maestra dell'asilo di suo figlio. Così,invece di chiedersi perchè il marito le avesse  archiviate nel suo  cellulare , decide  in accordo col suo uomo, di inviarle alle altre mamme. Seguono persino intimidazioni e minacce alla donna se solo avesse pensato di denunciare l'ex fidanzato. Allora, la giovane decide di sfogarsi con il suo capo...una donna. Tuttavia quest' ultima, anzichè sostenerla, la convince a dimettersi. La ragazza, però, non ci sta e denuncia tutti. Si profila il reato di revenge porn e l'uomo, che si dichiara pentito, viene condannato  a svolgere servizi sociali, mentre la donna e la direttrice sono in attesa di affrontare il dibattimento. A questo punto, è d'obbligo fare alcune considerazioni. L'uomo e la donna sono fisiologicamente e psicologicamente diversi. Ma chi dice che la donna che si sente libera di vivere la propria sessualità sia, una poco di buono, una vergogna per la società, indegna persino di lavorare con dei bambini. Il mondo ha fatto passi in avanti, ma tanto è ancora la strada da percorrere. Gli "uomini", quelli veri, hanno il dovere di indignarsi e di appoggiare la lotta contro il femminicidio senza se e senza ma. I politici, dal canto loro, devono fare di più, fissando norme sempre piu stringenti. Infine, c'è  bisogno di una rete sociale che non faccia sentire soli chi solo si è sentito da troppo tempo.

Napoli 25/11/2020
articolo a cura di Alessandra Testa
fotografia di Umberto Lariccia (foto di scena)




by Umbysite
STARS WEB TV
sede via A. e L. sementino 13
NAPOLI
starswebtv@gmail.com
STARS WEB TV è una testata giornalisitca registrata presso il tribunale di Napoli al n. 14 con decreto emesso in data 23/07/2020
Torna ai contenuti